info@zarocarni.it

ATTESTATI E GARANZIE

Icona Allevatori

Garanzia di qualità

Prodotti ad alta qualità

Il raggiungimento dell’alta qualità dei prodotti avviene tramite l’utilizzo di moderni impianti ed attrezzature situate nello stabilimento di Lonate Pozzolo (VA), contraddistinto dal numero [Approval Number]:

IT 309 M CE

Certificazione HACCP - 135/02

Certificazione ISO 9001:2008

CERTIFICATO BIOLOGICO

Icona GDO

Grande Distribuzione Organizzata

Il Protocollo Filiera di Qualità ZaroCarni per la Grande Distribuzione Organizzata

ZaroCarni ha sottoscritto con alcune catene della Grande Distribuzione Organizzata, dei capitolati di Filiera

La sottoscrizione è a tutela dei consumatori finali garantendo sempre un'eccellenza delle carni allevate e macellate. 

Controllo Allevamenti

Gli allevamenti aderenti alla filiera sono sottoposti a periodici controlli da parte di tecnici abilitati al fine di verificarne le conformità igienico-strutturali e le corrette prassi produttive (come previsto nel Disciplinare di Produzione ZaroCarni), ed in tali frangenti vengono effettuati prelievi di mangimi e di sangue ed urine sui bovini al fine di effettuare analisi di laboratorio per la ricerca di proteine di origine animale, di estrogeni naturali e di sintesi, di beta agonisti e di cortisonici. In caso di accertamento di non conformità, l’allevamento in questione viene espulso dalla filiera e non più utilizzato per i futuri approvvigionamenti di bestiame vivo.

Controllo Macellazione e lavorazioni successive
Gli allevamenti aderenti alla filiera, il giorno prima della programmata macellazione, inviano a ZaroCarni l’elenco delle marche auricolari dei capi. Questo controllo permette di verificare l’effettiva appartenenza dei capi alla filiera e la verifica del rispetto dei tempi di ristallo dei capi di bestiame previsti dalla Filiera Certificata ZaroCarni. 
Un collaudatore appartenente alla GDO presenzia alle fasi di macellazione, valutando la congruità qualitativa delle mezzene e li destina ai vari punti vendita finali.
Successivamente le mezzene subiscono le ulteriori fasi di lavorazione (ad esempio inquartamento, eventuale disosso e confezionamento) e vengono consegnate ai punti vendita finali.

Garanzie Igienico-Sanitarie
Tutte le varie fasi produttive, dalla macellazione al confezionamento, vengono effettuate nel più stretto rispetto delle vigenti normative igienico-sanitarie.
Esistono due livelli di controllo: il Controllo Ufficiale, attuato dai Medici Veterinari di ATS Insubria, e il Controllo in Regime di Autocontrollo, attuato da personale specializzato (laureato in tecnologia alimentare) della ZaroCarni Spa.

 

Controlli Ufficiali
I Medici Veterinari ATS Insubria sono obbligatoriamente presenti durante le fasi di macellazione ZaroCarni Spa. A questo livello essi attuano la cosiddetta “Visita ante mortem” sui bovini vivi, verificando lo stato di salute degli stessi. In caso di riscontro di patologie, il capo non viene abbattuto ma ricoverato in stalla al fine di compiere accertamenti diagnostici più approfonditi. Al termine delle fasi di macellazione viene effettuata la “Visita post mortem”, dove i Medici Veterinari effettuano un approfondito esame delle carni e dei visceri al fine di autorizzarne l’utilizzo per l’alimentazione umana, sancito dall’apposizione del timbro sanitario recante il numero di riconoscimento UE del macello.


Oltre alla totalità delle fasi di macellazione, i Medici Veterinari ATS controllano a campione, con ispezioni mensili, il corretto svolgimento delle altre fasi produttive (inquartamento, disosso, confezionamento, etichettatura e spedizione).

ZaroCarni

Etichettatura e Rintracciabilità

Garanzie per il consumatore ed informazioni di prodotto

Ai fini di una sempre maggiore trasparenza nel settore delle carni e della loro macellazione, gli Enti Comunitari e Nazionali hanno sviluppato un sistema di etichettatura molto avanzato, che risponde alla Legislazione UE. Questa nuova etichetta permette la completa rintracciabilità di tutti i prodotti immessi sul mercato.

 

Per rendere possibile la tracciabilità e la compilazione dell'etichetta, la procedura è cosi articolata:

1. Identificazione di tutte le materie prime in entrata in azienda. 

Questa fase prevede che tutte le materie prime in ingresso, sia provenienti da bovini macellati in ZaroCarni Spa che da altri stabilimenti, siano identificati tramite apposito “Numero di Identificazione” univoco per ogni pezzatura.
2. Tracciabilità
Questa fase permette di conoscere il percorso effettuato all’interno dello stabilimento da ogni pezzo durante le fasi produttive; ciò è reso possibile grazie ad un software basato sul continuo riconoscimento del “Numero di Identificazione” attribuito in fase di entrata.
3. Etichettatura
Questa fase rappresenta l’applicazione sul prodotto finito di un’etichetta riportante le seguenti informazioni relative al bovino da cui provengono le carni in questione:
- Paese di nascita
- Paese di allevamento
- Paese di macellazione e numero di riconoscimento Ue dello stabilimento dove è avvenuta la macellazione
- Paese di lavorazione/sezionamento e numero di riconoscimento Ue dello stabilimento dove è stato lavorato/sezionato il capo
- Numero di identificazione, univoco per ogni prodotto
4. Rintracciabilità
Tramite immissione del numero univoco di Identificazione in apposito software gestionale, si certifica la destinazione finale di ogni prodotto; ciò permette, in caso di presunta “non conformità”, di potere ritirare dal mercato tutto il prodotto potenzialmente pericoloso.


ZaroCarni ha come obiettivo la tutela costante dei consumatori finali e la tutela dei propri clienti e partner.

Per ulteriori informazioni sulla Filiera Certificata ZaroCarni e per informazioni inerenti alla rete commerciale, non esitate a contattarci. 

 

BSE Mucca Pazza

BSE Mucca Pazza

La tutela del Consumatore

In relazione all'emergenza BSE "Mucca Pazza", al fine di tutelare il consumatore, ZaroCarni ha intrapreso diverse azioni tra cui:

• Le forniture in oggetto sono tassativamente composte da carni provenienti da capi di età inferiore ai 24 mesi, limite sotto il quale non si è mai verificato nessun caso di BSE e che, secondo le più recenti ed approfondite conoscenze scientifiche, rappresenta un limite di sicurezza, in quanto la giovane età dei bovini esclude la possibilità che abbiano contratto la malattia. L'insorgenza della malattia si riscontra infatti in esemplari dai 3 anni di vita in su. 

• Per gli allevatori viene verificata la composizione dei mangimi, affinché sia accertata l’esclusione di farine di origine animale, vietate per legge, dall’alimentazione dei bovini. Gli stessi controlli effettuati negli allevamenti dagli organi Ufficiali sono altresì adottati in Regime di Autocontrollo da parte del personale del Laboratorio Analisi ZaroCarni Spa, in aggiunta ai controlli ufficiali.
• A livello di macellazione e di successive lavorazioni, vengono eliminati da tutti i capi di età superiore ai 12 mesi gli organi a rischio di propagazione BSE, i cosiddetti Materiali a Rischio Specifico (MRS). 

• Le lavorazioni che interessano l’asportazione della colonna vertebrale sono effettuate in zone separate da apposito personale dotato di attrezzature specifiche.